Verde Cuore

Informazione e sensibilizzazione dei temi del vivere secondo un'etica cruelty free, bio, ecosostenibile, sana e salutare.

Soho dichiara guerra alle cannucce

Lascia un commento

See on Scoop.itDiario verde

La lotta contro i rifiuti ha un nuovo nemico, le cannucce di plastica. Simbolo dell’usa e getta per eccellenza, se ne utilizzano a migliaia nei fast food e nei take away di tutto il mondo, tanto da essere ormai l’incubo degli operatori ecologici e un flagello per le spiagge, dove finiscono per accumularsi in grandi quantità. In Gran Bretagna il problema è particolarmente sentito e per questo è stata lanciata la campagna “Straw Wars”, ovvero guerra alle cannucce.

L’iniziativa è partita dal quartiere londinese di Soho, una delle aree più frequentate e piene di locali, e coinvolge prestigiosi ristoranti, bar e hotel che hanno deciso di coalizzarsi nel tentativo di ridurre l’utilizzo di questi articoli monouso. Sul sito della campagna è visibile una mappa di Londra e la localizzazione di chi ha aderito, tra cui Randall & Aubin, Soho House, the Gay Hussar, Hix, Quo Vadis, Tapas Brindisa Soho, Barrafina e Cafe Rosa’s.

La strategia è semplice: non distribuire più cannucce di plastica ai clienti, se non quando ne fanno espressamente richiesta. Solo nel Regno Unito, si legge sul sito, sono circa 3,5 milioni al giorno le bevande di McDonald’s vendute con cannuccia. Ciò significa 3,5 milioni di cannucce abbandonate, a cui si aggiungono quelle vendute da altri fast food. In teoria potrebbero essere riciclate come il resto della plastica, dicono gli organizzatori dell’iniziativa, ma questo succede raramente: chi consuma un pasto veloce, magari camminando per strada, non si preoccupa di dove gettare la cannuccia e inoltre manca una raccolta dedicata per ristoranti, pub e bar. Per non parlare del fatto che in alcuni fast food ci sono i distributori automatici di cannucce e i clienti ne prendono più del necessario.

Un mare di plastica

Non esistono dati certi su quanto le cannucce incidano sul totale dei rifiuti in plastica, probabilmente si tratta di una piccola percentuale ma le conseguenze sono comunque devastanti. Le cannucce viaggiano nelle fogne e finiscono nei fiumi e negli oceani con un grosso impatto sulla vita marina. La plastica infatti non è biodegradabile, dura all’infinito e si rompe in minuscoli pezzi che possono essere ingoiati dai pesci e finire nella catena alimentare. “La plastica è un enorme problema per il nostro ecosistema marino e costituisce oltre il 60 per cento dei rifiuti sulle spiagge del Regno Unito, in particolare i sacchetti. Le cannucce sono una piccola parte ma se ciascuno inizia a prendersi la responsabilità di smaltire correttamente i propri rifiuti è comunque un grosso aiuto”, ha dichiarato sul “The Guardian” Emma Snowden, della Marine Conservation Society.

La campagna italiana

Mentre a Londra cercano di prevenire a monte la produzione di rifiuti in plastica, In Italia fanno ben sperare gli ultimi dati del Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclaggio ed il recupero dei rifiuti di imballaggi in plastica (Corepla), che evidenziano una maggiore attenzione dei cittadini: nel 2011 la raccolta differenziata di bottiglie, flaconi e articoli monouso in plastica è cresciuta del 7% arrivando a 660 mila tonnellate mentre il riciclo effettivo è stato di oltre 390 mila tonnellate, cioè più 11%. Un buon risultato che però può ancora migliorare. Per questo il Corepla ha lanciato la campagna di sensibilizzazione “La plastica. Troppo preziosa per diventare un rifiuto” per mettere in evidenza i vantaggi, anche economici, del corretto smaltimento di questi prodotti.

Fonte: tekneco – http://bit.ly/z94a7F

See on www.tekneco.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...