Verde Cuore

Informazione e sensibilizzazione dei temi del vivere secondo un'etica cruelty free, bio, ecosostenibile, sana e salutare.


Lascia un commento

Tofushake ai mirtilli

See on Scoop.itAlimentazione e cucina veg, ricette e consigli pratici

Verde Cuore‘s insight:

Ingredienti per 2 persone
• 50 g di tofu morbido al naturale
• 100 ml di latte di soia alla vaniglia
• 2 cucchiai di sciroppo d’agave
• 50 g di mirtilli
• 1 cucchiaino di cacao in polvere

Preparazione
Schiacciare il tofu con una forchetta per fargli rilasciare l’acqua in eccesso, poi frullare per 30 secondi insieme al latte di soia e a una parte dei mirtilli. Aggiungere lo sciroppo d’agave e frullare ancora per circa 20 secondi.

Se il frullato sembra troppo caldo aggiungere del ghiaccio in cubetti.
Porre in superficie i mirtilli rimasti e spolverare con cacao.

Servire fresco.

Fonte: vegetarianitaliani – http://bit.ly/UDRuF0

Annunci


Lascia un commento

Insalata di patate e broccolo

See on Scoop.itAlimentazione e cucina veg, ricette e consigli pratici

Ingredienti:

patate pasta gialla di Avezzano – 500 gr (peso da crude)broccolo verde – 1olive nere – 10 pzcarota – 1cipolla rossa – 1spicchio di aglio di Voghiera – 1erbe di provenza – q.blievito alimentare in scaglie bio – 1/2 cucchiaiosale di Cervia ai profumi d’Oriente – q.bolio evo bio e locale – q.bmix creola (pepe) – q.b

Procedimento:

Lavare le patate sotto l’acqua corrente, riporle in una casseruola, coprirle con acqua fredda e cuocere a fuoco moderato dal momento del bollore fino a quando non si inteneriscono.Una volta che le patate saranno ben cotte, scolarle e lasciarle intiepidire nello scolapasta.Nel frattempo lavare con cura il broccolo, dividere tutte le cimette, tagliando a cubetti i gambi, e versarli in una casseruola con uno spicchio di aglio tagliato a dadini e la cipolla affettata finemente.Cuocere a fuoco moderato con poca acqua fino a quando il broccolo non si sarà intenerito.Sbucciare le patate una volta tiepide e tagliarle a cubetti in una ciotola, aggiungere le olive tagliate a listarelle, una macinata generosa di erbe di provenza e mix di creola (mix pepe), il broccolo e la cipolla cotti, un bel filo di olio evo, il mezzo cucchiaio di lievito alimentare in scaglie e il sale di Cervia aromatico quanto basta.Mescolare il tutto e servire ancora tiepida o fredda.

Fonte: unavnelpiatto.it – http://bit.ly/XSSbbg

 

See on www.unavnelpiatto.it


Lascia un commento

Ricetta: Focaccia con pesto di olive nere e fagioli cannellini

See on Scoop.itAlimentazione e cucina veg, ricette e consigli pratici

Ingredienti della focaccia:

125 gr di pasta madre rinfrescata da 3/4 ore: può essere solida, liquida, densa250 ml di acqua tiepida3/4 C di olio evo1 c di sale fino integrale350/400 gr di farina tipo 2origano, rosmarino, timo, erba cipollina, maggiorana a piacereolio evo miscelato ad acqua per condire la superficie prima di infornare1 C di malto di riso bioqualche C di pesto di olive nere bio200 gr di fagioli cannellini già cotti

Procedimento: sciogliere la pasta madre nell’acqua, aggiungere 150 gr di farina e mescolare bene. Aggiungere l’olio, il sale, l’aglio tritato, le spezie tritate, il malto (o la sapa) e amalgamarle bene. Cominciare ad aggiungere un po’ alla volta la farina, mescolando col cucchiaio di legno. Continuare ad aggiungere farina finchè si riesce a mescolare col cucchiaio: quando dovreste passare sulla spianatoia fermatevi e mettete l’impasto a lievitare coperto da un canovaccio pulito nel forno spento. Lasciare riposare per 3-4 ore (se usate il lievito di birra anche meno).

Riprendere l’impasto della focaccia e versarlo su una teglia oliata. Ricoprire con qualche cucchiaio di patè di olive nere e fagioli cannellini: con le mani, distribure uniformemente il condimento e poi, con le dita, picchiettare dolcemente tutta la focaccia; in questo modo patè e fagioli faranno un pò da condimento, un pò da ripieno. Mettere a lievitare per altre due/tre ore. Preriscaldare il forno a 250 gradi ed infornare per 25/30 minuti. Verificate la cottura controllando il fondo della focaccia: sarà cotta a puntino, quando il fondo risulterà ambrato e croccante.

Fonte: ravanellocurioso – http://bit.ly/WyfERG

See on ravanellocurioso.wordpress.com


Lascia un commento

Stop Killing Dogs – Fermiamo l’uccisione dei cani in Korea del Sud

See on Scoop.itCruelty Free

Insieme possiamo cambiare la vita di milioni di cani. Il sostegno internazionale contro la tortura dei cani e la consumazione della carne di cane è il solo modo per fare pressione al governo della Corea del Sud per proteggere davvero i diritti degli animali e vietare l’industria della carne di cane in tutte le sue forme. Questa petizione sarà presentata ai Funzionari coreani a Seul dai Sostenitori dei Diritti degli Animali in Corea quando avremo raggiunto almeno un milione di firme . Questa petizione è diversa da ogni altra petizione fatta a sostegno dei cani koreani perchè ha un’enorme portata. Le persone nel mondo possono vedere la pagina “Stop Killing Dogs – fermiamo l’uccisione di cani” in inglese e in molte altre lingue e capire che non è solo un’innocua tradizione antica o qualcosa di inevitabile. http://www.uniteddogs.com/stopkillingdogs/
See on www.uniteddogs.com


Lascia un commento

10 consigli per nutrirsi meglio con l’alimentazione vegetariana

See on Scoop.itAlimentazione vegetariana

1. L’alimentazione vegetariana equilibrata risulta essere un aiuto per tutti, specialmente in periodi in cui si avverte la necessità di “disintossicarsi” (dopo le feste natalizie, cambi di stagione, periodi di stress eccessivo, sovraccarico da farmaci).

2. Può essere continuativa se ben equilibrata, ovvero se si apportano tutti gli elementi  nutritivi indispensabili.

3. Particolare attenzione devono prestare i vegani e coloro che seguono altre diete estremamente selettive: attenti a variare ogni giorno gli alimenti assunti per non incorrere in gravi carenze.

4. Consumare quotidianamente cereali, integrali e biologici, gustandone ogni giorno uno diverso, per il loro apporto  di carboidrati complessi, proteine, fibre, vitamine del gruppo B,  vitamina E, e di minerali. Un esempio? L’amaranto. La sua peculiarità è quella di contenere una percentuale elevata di lisina, amminoacido essenziale di cui sono carenti quasi tutti gli altri cereali.

5. Il contenuto ridotto di lisina nei cereali suggerisce di consumarli insieme ai legumi, al fine di poter  sintetizzare proteine di valore biologico elevato. I legumi forniscono poi un notevole apporto energetico, essendo costituiti per lo più da carboidrati, ma sono anche fonte importante di acido folico, vitamina B1, vitamina H, e di diversi minerali.

6. Integrale a tutti i costi: solo i cereali integrali (e non con l’aggiunta di crusca) e i legumi non decorticati contengono fibre, le vitamine del gruppo B, essenziali per l’integrità del sistema nervoso e la formazione dei tessuti, la vitamina E, potente antiossidante, il ferro,  minerale indispensabile per il trasporto dell’ossigeno da parte dei globuli rossi.

7. Biologico o meglio ancora biodinamico: nella parte esterna del seme si concentrano infatti maggiormente pesticidi, conservanti e altre sostanze  farmacologiche utilizzate nelle varie fasi del ciclo produttivo.

8. Uova biologiche: ricche di amminoacidi essenziali per gli esseri umani e  di  vitamine e minerali essenziali. Sono uno dei pochi alimenti che contengono vitamina D.

9. Le alghe marine hanno  un elevatissimo valore nutritivo per l’alta concentrazione di minerali e oligoelementi, vitamine come il beta-carotene (in quantità 20 volte superiore rispetto alla carota), acidi grassi polinsaturi con funzione antinfiammatoria, aminoacidi, carboidrati,  fibre e  per il basso contenuto di calorie e grassi. Hanno proprietà disintossicanti, aiutano fegato e reni, favoriscono l’eliminazione dei metalli pesanti dal nostro organismo e  stimolano il sistema immunitario.

10. I semi oleaginosi: chiamati impropriamente “frutta secca”, non sono da confondere con la “frutta essiccata”. Un loro moderato consumo quotidiano è consigliato per la ricchezza di acidi grassi insaturi (monoinsaturi e polinsaturi, i notissimi omega-3 e omega-6).

Fonte: Rinnovabili.it – http://bit.ly/YA0nDb

See on www.rinnovabili.it


Lascia un commento

Secondi piatti: Seitan al curry

See on Scoop.itAlimentazione e cucina veg, ricette e consigli pratici

Ingredienti: 250 gr. di seitan ½ cipolla Curry q.b. Coriandolo q.b. Cumino q.b. 1 bicchiere di brodo vegetale qualche cucchiaio di latte (anche di riso o soia) 2 o 3 cucchiaini di farina 00 Olio d’oliva extravergine q.b. Pepe q.b.

L’alternativa vegetariana ai piatti orientali a base di carne, profumati con la più nota spezia indiana. Ottimo da servire accompagnato da una porzione di riso basmati.

Preparazione:
Tritate finemente la cipolla e mettetela a soffriggere in una padella con qualche cucchiaio di olio. Tagliate il seitan a cubetti e unitelo alla cipolla. Aggiungete il brodo vegetale e lasciate che si asciughi un pochino. Unite poi il latte, un paio di cucchiaini di farina, il curry, un po’ di coriandolo, di cumino e di pepe. Fate amalgamare tra loro gli ingredienti per un paio di minuti, cercando di creare un sughetto.

Accorgimenti:
La quantità di curry varia a seconda di quanto volete speziare il vostro piatto. Lo stesso vale per il cumino e il coriandolo. Per quanto riguarda il curry potete tenere come indicazione di base almeno un paio di cucchiaini. Cercate di equilibrare latte e farina in modo da creare un sughetto non troppo liquido né troppo denso, ma non esagerate con la farina perché, se troppa, potrebbe alterare il sapore finale del piatto.

Idee e varianti:
Se volete creare un piatto unico, potrete accompagnare il vostro seitan al curry con una bella manciata di riso basmati. Ottima è anche l’idea di renderlo un secondo completo con l’accompagnamento di qualche cucchiaio di purè.

Fonte: gustosissimo.it – http://bit.ly/VcrFLx

 

 

 

See on www.gustissimo.it