Verde Cuore

Informazione e sensibilizzazione dei temi del vivere secondo un'etica cruelty free, bio, ecosostenibile, sana e salutare.

La provincia di Siena autorizza la caccia alla volpe, l’unico predatore sopravvissuto

Lascia un commento

See on Scoop.itCruelty Free

 

L’amministrazione provinciale di Siena ha pensato bene di autorizzare la caccia alle volpi nelle tane, a partire dal 1° aprile (e non sarà un pesce) in pieno periodo riproduttivo. Quando partono queste crociate contro la fauna in eccesso, di solito si paventano varie tragedie per l’opinione pubblica, dai rischi sanitari ai danni all’agricoltura fino addirittura all’incolumità dei cittadini. Questo per rendere dolce la pillola: la loro morte è il male minore no?  Nel caso delle volpi non si riesce a trovare nulla di tutto questo, se non l’ipotetica rabbia silvestre inesistente in Toscana. In questo caso si torna all’antico concetto di “nocivi”, quando per i cacciatori lo erano tutti gli animali (donnole, faine, volpi, falchi ecc.) che potevano, in qualche misura essere di disturbo per gli unici animali che interssano a loro: fagiani, lepri e quaglie. Naturalmente a nulla serve lo studio del grandissimo (Dio l’abbia in gloria) De la Fuente che, studiando il contenuto dello stomaco di centinaia di volpi, dimostrò che queste prede costituivano una percentuale del tutto trascurabile dei loro pasti.

Le volpi sono ormai l’unico predatore sopravvissuto sui territori massacrati da caccia, urbanizzazione, veleni e inquinamento. Si tratta di animali preziosi gli unici che possono ancora contribuire a tenere sotto controllo l’espansione delle loro prede. Se la Provincia non tornerà indietro ci toccherà vedere cani appositamente addestrati, infilarsi nelle tane di volpe dove troveranno le madri entente ad accudire i loro piccoli. A quel punto schizzerà il sangue del cane addestrato a uccidere e della volpe stanca per l’allattamento, ma pronta a farsi massacrare pur di difendere la prole. Se questa è caccia…

Fonte: Tiscali – http://bit.ly/14mi8Z4

See on notizie.tiscali.it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...