Verde Cuore

Informazione e sensibilizzazione dei temi del vivere secondo un'etica cruelty free, bio, ecosostenibile, sana e salutare.


Lascia un commento

Millefoglie di tempeh con emulsione di mandarini tardivi

Per questo millefoglie il taglio del tempeh è di circa due o tre millimetri, in modo che durante la cottura in forno risulti dorato e croccante ma conservi un sottilissimo cuore morbido.

Preparazione: 10 minuti
Cottura: 20 minuti
Porzioni: 4

Ingredienti:

per il tempeh croccante:
tempeh – 350 grammi
olio extra vergine di oliva – qb
sale integrale – qb
pepe macinato fresco – qb

per l’insalata:
misticanza verde – qb
finocchi – 300 grammi
paprika – 1 cucchiaino
succo di limone – 1/2 limone
olio extra vergine di oliva – 2 cucchiai
sale integrale – 1 pizzico

per l’emulsione di mandarini
succo di mandarini tardivi – 100 ml (spremuto e filtrato)
olio extra vergine di oliva – 50 ml
senape – 1 cucchiaino

Procedimento:
Lava l’insalata, asciugala e mettila da parte. Lava i finocchi e affettali molto sottili. Versali in una ciotola con l’olio, il succo di limone, la paprika e il sale. Lasciali marinare per circa 30 minuti.
Con una mandolina affetta il tempeh molto sottile (circa 2 mm di spessore). Spennellalo con un po’ di olio extra vergine di oliva su entrambe i lati. Mettilo su una teglia coperta con carta da forno, aggiungi un pizzico di sale e un po’ di pepe nero. Cuoci in forno statico a 180° fino a quando non sarà diventato dorato e croccante. Togli dal forno e metti da parte.
Spremi i mandarini tardivi, filtra il succo e versalo in un frullatore. Aggiungi l’olio e la senape. Frulla fino ad ottenere una emulsione leggermente cremosa.
Crea un millefoglie alternando: tempeh croccante + misticanza verde + finocchi marinati. Termina con una sfoglia di temph e decora con qualche germoglio fresco. Versa sul millefoglie di tempeh 2 o 3 cucchiai di emulsione ai mandarini tardivi e servi a temperatura ambiente, come un antipasto.

Fonte: unocookbook – http://bit.ly/1hkKkQk

20140225-102419.jpg

Annunci


Lascia un commento

Formaggio Colby vegan

Deve il nome alla cittadina di Colby, stato del Wisconsin, dove è stato creato nella seconda metà del XIX secolo. Ricetta realizzata seguendo le indicazioni del libro “The ultimate Uncheese cookbook” di Jo Stepaniak.

Ingredienti:
1 .1/2 tazza acqua
5 cucchiai fiocchi di agar agar (oppure 1.1/2 cucchiaio di agar agar in polvere)
1/2 tazza di anacardi crudi sminuzzati (oppure noci del Brasile senza pelle)
1/4 tazza lievito alimentare
3 cucchiai succo di limone
2 cucchiai cipolla in polvere
1/4 cucchiaio sale
1/4 cucchiaio aglio in polvere
1/4 cucchiaio senape in polvere
2 cucchiai paprika (oppure 2 cucchiai di concentrato di pomodoro oppure 1/2 tazza di carote cotte sminuzzate)

Procedimento:
Ungere leggermente un recipiente di plastica della capienza di 3 tazze e metterlo da parte.
Sciogliere l’agar agar nell’acqua e far bollire qualche minuto.
Trasferire il liquido nel robot e aggiungervi tutti gli altri ingredienti.
Frullare alcuni minuti fino a rendere cremoso l’impasto.
Riempire il recipiente di plastica, messo precedentemente da parte, con la crema.
Quando il composto sì è raffreddato, coprirlo e metterlo in frigo per alcune ore.
Tenere sempre coperto dopo ogni utilizzo. Si conserva, in frigo, per 5-7 giorni.

E’ ottimo per farcire tramezzini o per preparare snack. La consistenza è compatta ma morbida.

Fonte: pensierinomadi – http://bit.ly/1aQKGbi

20131029-143829.jpg


Lascia un commento

Biscotti cacao e nocciole ed autoproduzione del latte di nocciole

Ingredienti per un litro di latte:
– 100g di nocciole
– 1l di acqua
– dolcificante a piacere

Procedimento: lasciate le nocciole (non tostate) in ammollo per una notte, poi sciacquatele e mettetele in un recipiente dai bordi alti con l’acqua. Col minipimer frullatele molto bene, infine con un colino a maglia stretta filtrate il latte separandolo dall’okara. Dolcificate a piacere (io ho usato un po’ di sciroppo di agave) e conservate in frigorifero per un paio di giorni.

Ingredienti per i biscotti:
– okara residuato dall’ autoproduzione di un litro di latte – 200g di farina integrale
– 120g di zucchero di canna integrale
– 75g di cacao amaro in polvere – 1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci
– 2 cucchiai di amido
– un pizzico di sale
– 100g di olio di semi
– 10 cucchiai circa di latte di nocciola o altro latte
– 50g di scaglie di cioccolato fondente

Procedimento: Per prima cosa stendete l’okara di nocciole su una placca da forno rivestita di carta, infornate a 150° finchè l’okara è asciutta e tostata (ve ne accorgete dall’odore e da una lieve doratura). Mescolate tutti gli ingredienti secchi, okara compresa, agigungete poi olio e latte. Mescolate e impastate bene, infine agigungete le scaglie di cioccolato, impastate nuovamente. Stendete l’impasto su un tagilere infarinato, ritagliate i biscotti e infornateli in forno preriscaldato a 180° per 18 minuti. Fate raffreddare e conservate in una scatola ermetica. Buon appetito!

Fonte: lacucinadellacapra – http://bit.ly/1c4eIOd

20131002-150238.jpg


Lascia un commento

Ricetta vegetariana: fiori di zucca ripieni con ricotta e zucchine

20130924-222714.jpg

Ingredienti:
– 15 fiori di zucca
– 200 gr ricotta di soia/latte
– 2 zucchine
– 1 cipollotto
– 1 cucchiaio lievito alimentare in scaglie/parmigiano
– 1 uovo
– olio evo qb
– sale e pepe qb
– pan grattato qb

Procedimento:
Innanzitutto togliere il pistillo ai fiori di zucca, lavarli e asciugarli con cura (sono molto delicati quindi meglio tamponarli con un po’ di carta assorbente).
Tagliare sottilmente la cipolla e le zucchine a rondelline quindi soffriggete con poco olio eventualmente aggiungete un goccio d’acqua lercompletare bene la cottura. Aggiustate di sale e pepe e lasciate raffreddare.
Frullate il composto insieme alla ricotta, l’uovo e il lievito in scaglie o parmigiano, se non risulta abbastanza denso aggiungete un po’ di pan grattato.
A questo punto con l’aiuto di un cucchiaino prelevate un po’ di composto e con delicatezza riempite i fiori di zucca.
Disponeteli su una taglia leggermente oliata, versateci un poco di olio a filo ed infornate a 180 gradi per circa 20 min. Buon appetito!


Lascia un commento

Ricetta: Spaghetti integrali con pere e noci

20130919-161635.jpg

Ingredienti:
320 grammi di spaghetti integrali
quattro piccole pere
50 grammi di gherigli di noce
quattro cucchiai di ricotta
mezzo bicchiere di vino bianco
una tazza di brodo vegetale
una cipolla rossa di Tropea
un peperoncino
qualche rametto di origano fresco (o secco)
olio evo
sale marino integrale

Sbucciate le pere e tagliatele a fettine. Mettetele in una piccola pentola, coperte dal vino bianco e dal brodo vegetale. Fatele bollire per dieci minuti. Scolatele e conservate il liquido di cottura. In una padella fate indorare in un po’ d’olio la cipolla affettata e poi unite le noci precedentemente tritate. Saltatele per qualche minuto e poi aggiungete le pere, il liquido messo da parte e la ricotta. Amalgamate il tutto, aggiungete l’origano e poi spegnete. Fate saltate gli spaghetti nella padella, unite del peperoncino spezzettato e servite.

Fonte: ricettealverde – http://bit.ly/156DYkE


Lascia un commento

Triangolini di farro ripieni di crema con peperone e ricotta

20130723-112041.jpg

Ingredienti per la crema:
1 peperone rosso grande (250 g pesato da cotto)
100-125 g di ricotta di soia
2 cucchiai di semi di papavero
paprika qb
sale qb

Ingredienti per i triangolini:
200 g farina di farro bio
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di curcuma
6 cucchiai di crema di peperoni e ricotta
semi di papavero: qb

Procedimento:
Arrostite il peperone nel forno a 200 °C tagliato a metà, o sulla griglia ma ci vorrà di più, finchè non è morbido. Spellatelo e tamponatelo per eliminare l’acqua in eccesso. Tagliatelo a filettini e mettetelo nel boccale del minipimer, aggiungete sale e paprika secondo il gusto e frullate. Aggiungete la ricotta e amalgamate con una spatola, aggiungete anche i semini di papavero e mescolate. Mettete in un barattolo e tenete al fresco.

In una ciotola sistemare la farina e unirla al sale e alla curcuma. Versare l’olio, mescolare bene, quindi cominciare ad aggiungere acqua fredda quanta basta per ottenere un composto lavorabile ma non appiccicoso. Formate una palla e fate riposare al coperto per una mezz’oretta. Infarinate il piano da lavoro e stendete l’impasto molto sottile (3-4 mm) e ricavatene dei quadrati di circa 8 cm per lato. Continuate anche con i ritagli di pasta che vi avanzano. Inumidite i bordi con un pennello, sistemate al centro un cucchiaio di ripieno e chiuderli a metà creando un triangolo, sigillando molto bene i bordi.
Spennellate la superficie con altra acqua e mettete qualche semino per decorare. Cuocete in forno a 200° per una quindicina di minuti finchè non sono dorati.
Occhio che scottano! Buon appetito

Fonte: peanutincookingland – http://bit.ly/13185r2


Lascia un commento

Ricotta di soia: più semplice a farsi che a dirsi

Occorrente:
– 1 litro di latte di soia al naturale, non addizionato di vitamine o aromi:
– 3 cucchiai di succo di limone filtrato o aceto di mele bio
– un colino a maglie fitte

Procedimento:
Mettere a bollire il latte in una pentola capiente e quando comincia a essere caldo porre sul fuoco un’altra pentola con l’aceto e circa sei cucchiai di acqua (se inizia a bollire abbassare semplicemente la fiamma). Quando anche il latte comincia a bollire spegnere il fuoco e versare la miscela di aceto e acqua, mescolando rapidamente con un cucchiaio di legno. I fiocchi di cagliata dovrebbero iniziare a comparire in superficie. Salare a piacimento, quindi far raffreddare il tutto e scolarlo direttamente nel colino oppure prelevare i fiocchi con una schiumarola e adagiarli in una fuscella da ricotta o nel colino.
In quest’ultimo caso si può recuperare il liquido che rimane e ripetere il procedimento con altro aceto, passando poi la ricotta ottenuta sotto l’acqua, per eliminare un eventuale retrogusto.
Lasciare scolare la ricotta almeno una notte prima di mangiarla.

Fonte: peanutincookingland – http://bit.ly/13jokzd

20130717-170934.jpg